Agorafobia, Sintomi, Conseguenze e Attacchi di Panico

ansia-sociale-fobia-sociale
Disturbo d’Ansia Sociale (Fobia Sociale): Sintomi e Cause e Terapia
Dicembre 7, 2018
DOC-omosex-studio-colamonico
DOC Omosessuale: la paura di essere gay
Febbraio 3, 2019
agorafobia-sintomi-attacchi-di-panico

Agorafobia e attacchi di panico

Cos’è l’agorafobia, sintomi e perchè è strettamente correlata al disturbo da panico

L’agorafobia si manifesta nel momento in cui una persona che si trova in un luogo pubblico che ritiene dispersivo e grande, teme di non potersi allontanare o fuggire con facilità in caso di pericolo.

Questa paura eccessiva compromette la vita dell’individuo che si sente costretto ad evitare luoghi pubblici ed affollati per regolare lo stato di ansia che gli possono procurare.

I luoghi e le situazioni che procurano ansia e agitazione alla persona che soffre di agorafobia possono essere:

  • Negozi, situazioni in cui sono presenti folle;
  • Viaggi (in treno, in autobus, in aereo);
  • Luoghi pubblici in cui possono esserci molte persone come ascensori, negozi, cinema, ristoranti, dove è assente un’uscita semplice da raggiungere;
  • Essere ovunque fuori dalla propria abitazione.

Agorafobia: sintomi

I sintomi dell’agorafobia sono spesso simi a quelli degli attacchi di panico. Quando infatti la persona che soffre di agorafobia si trova in uno dei luoghi elencati in precedenza, vive sensazioni di ansia e agitazione associati ad altri sintomi quali:

  • Aumento del battito cardiaco e della respirazione;
  • Tremori e palpitazioni;
  • Sudorazione;
  • Dolori di stomaco o dolori al torace;
  • Sensazioni di nausea e secchezza della bocca;
  • Dolori alla testa;
  • Sensazione di avere un “nodo alla gola”.

Conseguenze dell’agorafobia

I sintomi dell’agorafobia elencati in precedenza provocano sensazioni di inadeguatezza e tensione nel momento in cui l’individuo si trova a dover affrontare una delle situazioni o dei luoghi che stimolano le manifestazioni fisiche e psicologiche negative. La paura che si possano manifestare i sintomi di ansia e tensione ha conseguenze sulla vita della persona poiché lo costringerà ad evitare i luoghi affollati e le situazioni “pericolose” per evitare l’insorgenza di un qualsiasi sintomo. Molte persone quindi, tendono a rimanere all’interno della propria casa che viene vista come unico luogo sicuro e conosciuto. Evitare le situazioni ed i luoghi può, però, intensificare la paura dell’individuo peggiorando il problema, arrivando ad influenzare ed invalidare la vita del soggetto.

Non tutte le persone che soffrono di agorafobia vivono sensazioni così invalidanti. Alcuni riescono ad affrontare la quotidianità in modo funzionale mettendo in atto le strategie che possano aiutarli ad evitare il manifestarsi dei sintomi (ad esempio, viaggiare in compagnia di un amico, un familiare per evitare gli stati di ansia). I livelli di gravità del disturbo possono variare quindi, da persona a persona.

Agorafobia e attacchi di panico

Spesso l’agorafobia è associata agli attacchi di panico. I sintomi infatti, dell’agorafobia sono molto simili a quelli che descrivono un attacco di panico. Un attacco di panico è una manifestazione di paura intensa di perdere il controllo e di morire accompagnata da sintomi come palpitazioni, sudorazione, tremori, aumento del battito cardiaco. Le persone che soffrono di disturbo di panico (DAP) convivono con questo stato di ansia e angoscia che un attacco di panico si possa manifestare d un momento all’altro, ad esempio in luoghi pubblici dai quali è difficile “mettersi in salo” e quindi uscire, o ricevere un aiuto immediato.

Per questo motivo, l’agorafobia è di solito una conseguenza della insorgenza di attacchi di panico e si ha quando appunto, l’individuo evita luoghi o situazioni pubbliche per paura che si possa presentare un attacco di panico e che non ci sia modo di contenere e gestire i sintomi.

Agorafobia: trattamento consigliato

Il trattamento consigliato per la cura del disturbo di agorafobia è senza dubbio la Terapia Cognitivo-Comportamentale.

La terapia ha lo scopo di informare inizialmente la persona aiutandola a conoscere il disturbo e a prenderne coscienza. Successivamente il terapeuta attraverso tecniche specifiche, aiuterà la persona ad apprendere strategie funzionali ed adattive per gestire le situazioni che possono procurare ansia e sintomi del disturbo. La terapia non sarà, quindi, svolta con aiuti “esterni”, attraverso somministrazione di farmaci che placano lo stato di ansia e paura della persona. Attraverso la conoscenza della patologia, lo sviluppo delle abilità per fronteggiarla, la modifica di pensieri e comportamenti disadattivi rendendoli realistici e adattivi, la psicoterapia avrà come fine l’incremento dell’autonomia l’individuo nella gestione dei sintomi, sviluppando ed incrementando le sue risorse interne, la sua forza nell’affrontare i sintomi e di conseguenza migliorando la sua qualità di vita.

Soffri di agorafobia?

Se ti sei rivisto leggendo i sintomi dell’agorafobia e degli attacchi di panico, non esitare a contattarmi. Presso il mio studio di di psicologo a Torino possiamo discutere dei tuoi problemi e delle situazioni che ti creano ansia e preoccupazione.

Dott. Damiano Colamonico
Dott. Damiano Colamonico
Sono il Dott. Damiano Colamonico, psicologo a Torino ad orientamento Cognitivo Comportamentale.Esperto dei principali approcci in campo di neuroscienze, psicologia cognitiva e neuropsicologia, dirigo il Centro Clinico “StudioColamonico” a Torino e Chieri dove, insieme ai miei collaboratori, mi occupo di riabilitazione e trattamento dei principali disturbi della sfera psicologica.Attraverso i miei studi in tecniche cognitivo comportamentali presso l'istituto Watson di Torino ho appreso le più efficaci strategie di intervento per la riabilitazione dei più comuni disturbi mentali e della sofferenza psicologica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *