Dermatillomania: Disturbo da Escoriazione Compulsiva

persona con paura di essere attratta dagli animali
Paura di essere attratti sessualmente dagli animali? Potrebbe trattarsi di DOC
Aprile 14, 2020
Donna affetta da tricotillomania disturbo dello strappamento capelli
Tricotillomania: Disturbo da Strappamento Peli
Maggio 30, 2020
donna che si gratta con disturbo da escoriazione dermatillomania

Disturbo da Escoriazione o Skin Picking

La dermatillomania, o disturbo da escoriazione, consiste nello stuzzicare continuamente la propria pelle, grattandola pizzicandola o raschiandola fino a creare delle vere e proprie escoriazioni cutanee. Nei casi più gravi si arriva persino a mangiare le croste delle ferite. Si tratta di un disturbo ossessivo compulsivo molto diffuso. All’interno di questo articolo approfondiremo cos’è la dermatillomania, quali i sintomi e i possibili trattamenti e cure consigliate.

 

Cos’è la Dermatillomania?

Il disturbo da escoriazione compulsiva (DEC), comunemente chiamato anche dermatillomania e in inglese “skin picking” o “excorcation disorder”, fa parte della categoria di Disturbi Ossessivo- Compulsivi. Questo disturbo è caratterizzato dallo stuzzicarsi e graffiarsi ripetutamente e compulsivamente la pelle, sino a subire lesioni cutanee. La persona con dermatillomania presenta una vera e propria incapacità di bloccare il proprio comportamento compulsivo che inevitabilmente procura non solo una mancanza di controllo dei propri impulsi comportamentali, ma anche e soprattutto un problema organico a livello cutaneo con conseguenti ferite che si rimarginano difficilmente perché la persona continua a stuzzicarle con frequenza.

Le aree maggiormente stuzzicate nella dermatillomania possono essere le braccia, il viso, la testa e le mani, le gengive, il cuoio capelluto, ma molto spesso le persone stuzzicano diverse aree del corpo simultaneamente. Molti di coloro che soffrono di Skin Picking tendono a stuzzicare e togliersi le croste che si creano in maniera ossessiva, e c’è persino chi finisce col mangiare le croste delle ferite. Le persone che presentano il disturbo da escoriazione trascorrono spesso molto tempo a stuzzicare alcune parti del proprio corpo, raggiungendo a volte anche diverse ore mettendo in atto il comportamento. Il grattare e pizzicare non viene fatto per rimuovere un inestetismo, come accade nella dismorfofobia: il soggetto affetto da dermatillomania può grattare brufoli, acne, calli o crosticine, ma anche pelle completamente sana, e può farlo una volta al giorno, con una durata anche di ore, o svariate volte ma più brevemente. Solitamente i soggetti si gratatno con le dita e le unghie, ma possono farlo anche con strumenti come pinzette, forbici o aghi.

La dermatillomania è caratterizzata e preceduta da una sensazione di ansia e tensione provata dal soggetto, che vede nel grattare e pizzicare la propria pelle un modo di alleviarla. Si parla di dermatillomania quando i soggetti tentano di interrompere il grattare e pizzicare la pelle ma non vi riescono, ed il comportamento diventa così preponderante da occupare molto tempo nella giornata e causare lesioni anche gravi, tanto da ridurre la funzionalità del soggetto e da compromettere il suo comportamento sociale e lavorativo, non solo per il tempo impiegato nell’attuazione della compulsione, ma anche dai sentimenti di vergogna ed imbarazzo che genera, che portano il soggetto a voler evitare la socialità.

Sintomi della Dermatillomania e Diagnosi

I principali sintomi caratteristici del disturbo da escoriazione possono essere definiti come segue:

  • Ripetuto stuzzicamento della pelle con conseguenti lesioni cutanee;
  • Ricorrenti tentativi fallimentari di fermare il comportamento compulsivo;
  • Inevitabile difficoltà nel gestire il comportamento compulsivo che incide nella vita sociale, lavorativa, affettiva della persona;
  • Sensazione di ansia ed angoscia precedenti il comportamento e successive riferite all’attività;
  • La messa in atto di veri e propri rituali che coinvolgono pelle e croste costituite dal comportamento. Ad esempio la persona può ricercare una crosta formatasi in conseguenza allo stuzzicamento e giocare con essa stuzzicandola di nuovo, tenendo in mano e addirittura mangiandola dopo averla tolta dalla pelle, oppure utilizzare strumenti particolari per rimuoverla come delle pinzette;
  • Alcune volte lo stuzzicamento è attento e preciso, calcolato, altre volte è quasi involontario e automatico;
  • Lo stuzzicamento di solito non comporta dolore per la persone che, al contrario, sente di aver avuto un beneficio seppur nell’immediato per aver rimosso la crosta dalla pelle;
  • L’azione di solito non viene svolta in presenza di altre persone, ma viene attutata di nascosto, quando l’individuo è solo. (DSM 5- Manuale Diagnostico e Statistico dei Diturbi Mentali; American Psychiatric Association; Cortina Editore; 2014).

La dermatillomania non presenta sintomi uguali per tutti; alcuni soggetti possono essere focalizzati solo nel grattare e pizzicare una zona, o cambiarla nel tempo. Alcuni soggetti arrivano a provocarsi lesioni, cicatrici, o ulcere, mentre altri ne svilupperanno poche, e sarà così più difficile diagnosticare il disturbo.

Non sempre i soggetti con disturbo da escoriazione sono infatti consapevoli del proprio comportamento disfunzionale: sono in molti a grattare o pizzicare la pelle senza pensarci, in quanto come caratteristico a molti disturbi ossessivo-compulsivi si tratta di un comportamento compulsivo volto a mediare sensazioni di ansia ed angoscia. Dopo aver grattato o lesionato la pelle, il soggetto può sentirsi quasi sollevato o gratificato, ma questa sensazione durerà poco in quanto successivamente sarà assalito dall’ansia per la propria perdita di controllo, innescando un circolo vizioso che lo porterà e ripetere il gesto compulsivamente.

Conseguenze della Dermatillomania

Spesso la dermatillomania è accompagnata da altre forme di compulsione, come lo strappamento dei capelli, il mordersi le unghie o altri gesti con focus sul proprio corpo, non volti all’ossessione per un tratto estetico ma a scaricare l’ansia e l’angoscia. Alcuni soggetti affetti da dermatillomania arrivano anche a grattare la pelle degli altri.

Chi soffre di dermatillomania spesso si vergogna del proprio comportamento, e tende a nasconderlo, evitando istanze sociali in cui potrebbe metterlo in pratica, e a nascondere le proprie ferite, danni cutanei ed escoriazioni con vestiti, accessori e trucco.

Talvolta, l’eccessivo grattare, pizzicare stuzzicare può causare ferite e lesioni anche gravi, che possono tramutarsi in infezioni, cicatrici e sanguinamento anche importante, nonché setticemia. La dermatillomania è spesso associata non solo al disturbo ossessivo compulsivo ma anche alla depressione e a disturbi d’ansia.

Dermatillomania: Le Cause Possibili

Le cause ascrivibili alla dermatillomania o skin-picking sono diverse. Una persona può mettere in atto il comportamento compulsivo per sopperire uno stato di ansia, può essere preceduto da noia, può comportare uno stato emotivo di tensione o anche può portare gratificazione, piacere e/o senso di sollievo dopo aver stuzzicato e rimosso la crosta. Di solito le cause sono collegabili ad uno stato di tensione provocato da fattori esterni e/o interni della persona (tensione lavorativa, difficoltà relazionali, problemi familiari e così via) che comportano una messa in atto del comportamento proprio per alleviare lo stato di allerta e ansia vissuto in conseguenza alla situazione problematica.

braccio ferito da disturbo da escoriazione dermatillomania

Conseguenze

Le conseguenze principali della dermatillomania sono caratterizzate da una compromissione personale, relazionale e lavorativa nella vita dell’individuo. Molto spesso infatti, le persone con disturbo da escoriazione evitano eventi sociali, come ad esempio uscire con più persone e in luoghi con altre persone. Se avviene durante l’adolescenza, molti ragazzi riferiscono di avere difficoltà a seguire e prestare attenzione alle lezioni scolastiche e di preferire a volte restare a casa e passare la giornata a stuzzicare la pelle.

Anche le complicazioni fisiche sono molte e difficili da gestire. Includono ad esempio, danni ai tessuti, a volte mettendo a rischio la vita della persona. Le cicatrici possono essere molte e difficili da rimarginarsi proprio perché l’individuo continua a stuzzicarle e a riaprire la ferita già presente. A volte infatti lo stuzzicamento provoca danni irreparabili ai tessuti tanto da dover richiedere un intervento chirurgico di ripristino.

Trattamento della Dermatillomania e Terapia Consigliata

Uno dei trattamenti più utilizzati e che portano maggiori risultati con le persone con dermatillomania è la Terapia Cognitivo-Comportamentale, volta all’inversione delle abitudini compulsive tramite l’automonitoraggio ed il controllo dello stimolo.

Il trattamento per la cura della dermatillomania è caratterizzato da una prima fase di informazione e raccolta di racconti sulla storia e l’esordio del sintomo, su come si manifesta e quando, su quali sono le conseguenze e soprattutto le cause. Successivamente il terapeuta aiuta la persona ad imparare a gestire, tramite strategie indicate dal professionista, il sintomo aiutando quindi l’individuo a ridurre man mano la sintomatologia compromettente. L’obiettivo è quello di rendere il soggetto affetto da dermatillomania capace di:

  • Identificare i trigger del comportamento compulsivo
  • Evitare i fattori scatenanti per scongiurare l’attuazione della compulsione
  • Sostituire altri comportamenti meno disfunzionali (stringere un pugno, ecc) al posto di grattare la pelle

Il fine ultimo della terapia è quello di imparare a gestire il sintomo, ridurlo e quindi migliorare la propria vita personale, relazionale, lavorativa e sociale, migliorando la qualità di vita della persona.

 

 

In questo momento difficile che stiamo attraversando a causa del COVID-19 le prestazioni sanitarie e terapeutiche presso lo Studio Colamonico sono REGOLARMENTE GARANTITE.

È inoltre attivo il servizio ti TERAPIA ONLINE a mezzo videochiamata e Skype.

 

 

Link Utili e Approfondimenti:

 

Dott. Damiano Colamonico
Dott. Damiano Colamonico
Sono il Dott. Damiano Colamonico, psicologo a Torino ad orientamento Cognitivo Comportamentale. Esperto dei principali approcci in campo di neuroscienze, psicologia cognitiva e neuropsicologia, dirigo il Centro Clinico “StudioColamonico” a Torino e Chieri dove, insieme ai miei collaboratori, mi occupo di riabilitazione e trattamento dei principali disturbi della sfera psicologica. Attraverso i miei studi in tecniche cognitivo comportamentali presso l'istituto Watson di Torino ho appreso le più efficaci strategie di intervento per la riabilitazione dei più comuni disturbi mentali e della sofferenza psicologica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *