Disturbo Ossessivo Compulsivo: Sintomi e Trattamento

differenza-psicologo-psichiatra-studio-colamonico
Differenza tra Psicologo e Psichiatra
ottobre 23, 2018
differenza-psicologo-psicoterapeuta-psicoanalista-studio-colamonico
Differenze tra Psicologo, Psicoterapeuta e Psicoanlista
ottobre 23, 2018
disturbo-ossessivo-compulsivo-sintomi-studio-colamonico

Cos’√® il disturbo ossessivo compulsivo (DOC)?

Quali ne sono i sintomi e quali i trattamenti e le terapie pi√Ļ adatte?

Il¬†disturbo ossessivo compulsivo¬†√® caratterizzato da pensieri o impulsi ricorrenti che¬†innescano ansia¬†e “obbligano” la persona ad attuare azioni ripetitive materiali o mentali. Talvolta vengono dette anche erroneamente manie o fissazioni.

Ti √® mai capitato, ad esempio, di scendere dalla macchina, fare qualche passo verso il luogo dell’appuntamento e poi tornare indietro a lunghe falcate con il pensiero irremovibile: “Ho chiuso la macchina?”

Potresti tornare indietro, verificare, chiudere la macchina qualora fosse aperta, e poi tornare verso chi ti sta aspettando senza pi√Ļ pensieri. Oppure potrebbero ripresentarsi in te pensieri intrusivi della macchina ancora aperta che ti porteranno a ricontrollare, verificare, chiudere, allontanarti e tornare indietro per un’infinit√† di volte.

Disturbo ossessivo compulsivo: sintomi

Vediamo alcuni esempi di disturbo ossessivo compulsivo tipici e come riconoscerlo

Se, nell’esempio precedente, incominciassi a vivere pensieri intrusivi, rientrando quindi nella seconda categoria, √® possibile che tu possa essere affetto dai¬†sintomi del disturbo ossessivo compulsivo.¬†Nella mia esperienza come¬†psicologo a Torino¬†ho riscontrato che i miei pazienti affetti da disturbo ossessivo compulsivo presentavano le seguenti caratteristiche tipiche di questo disturbo:

  • La¬†ripetitivit√†, la¬†frequenza¬†e la¬†persistenza¬†della¬†attivit√† ossessiva¬†(i pensieri intrusivi si ripresentano con frequenza e permangono in modo duraturo e continuo)
  • Le¬†attivit√† riparative¬†sono compulsive ed inevitabili

Altri esempi di pensieri ossessivi, seguiti da comportamenti compulsivi sono:

Pensiero: “Potrei prendermi una malattia contagiosa inguaribile se tocco la porta del bagno dell’autogrill”

Comportamento: mi porto sempre nella borsa una bottiglietta di amuchina per disinfettarmi

Pensiero: “Non mi avvicino ad una pianta velenosa potrei esserne contagiata e morire”

Comportamento: Evito tutti i luoghi in cui sono presenti le piante che temo

Pensiero: “Se i file non sono chiusi succeder√† qualcosa di brutto”

Comportamento: Controllo per un numero predefinito di volte che i file siano chiusi.

Trattamento del Disturbo ossessivo compulsivo

Esiste una terapia per il disturbo ossessivo compulsivo? La risposta è si

Il trattamento del Disturbo Ossessivo Compulsivo pone le sue fondamenta in quella che è la Terapia Cognitivo Comportamentale, scientificamente comprovata e fondata su protocolli validati.

Come funziona il trattamento del Disturbo ossessivo compulsivo?

Dopo una breve¬†valutazione iniziale¬†che consente di individuare i sintomi principali e le forme che acquistano i pensieri ossessivi, verificherai con mano che¬†le tue paure sono infondate¬†e possono essere affrontate senza rituali. Si tratta di un¬†lavoro congiunto tra paziente e terapeuta¬†che ti permetter√† di imparare ad esporti agli oggetti, alle situazioni temute o ai pensieri invalidanti e a prevenire le tue risposte di neutralizzazione abituale (ossia i rituali come: lavarsi le mani, cercare evidenze di non essere omosessuale o evitare alcune situazioni o luoghi). Se temi contagi ti potr√† venir richiesto di toccare persone considerate “pericolose” (esposizione) e di non lavarti dopo (prevenzione della risposta). In questo modo riuscirai ad incontrare ci√≤ che temi, senza che le conseguenze temute si manifestino.

I miei consigli sul disturbo ossessivo compulsivo

Ciò che dico sempre ai miei pazienti che presentano un disturbo ossessivo compulsivo (DOC) è:

1. Evita di evitare

La mia esperienza come¬†psicologo cognitivo comportamentale¬†mi ha portato a capire come l’evitamento produce una sensazione di immediato sollievo, √® importante iniziare a pensare che evitare, contribuisce ad alimentare il circolo vizioso e lo stesso DOC. L’azione compulsiva ti fa solo diminuire momentaneamente l’ansia. L’evitamento produce un sollievo dall’ansia e quindi viene appresso e automatizzato come rinforzo negativo. Quindi che fare? Esponiti a ci√≤ che temi!

2. Prenditi gioco del DOC:

Accentua il comportamento compulsivo: aumenta la compulsione a dismisura, fino a banalizzarla. Se ti lavi le mani dopo aver toccato la maniglia del bagno dell’autogrill, fallo per 5 volte. Anche se ti sembra assurdo, vedrai che sar√† efficace.

Il tentativo di cambiare, eliminare e risolvere il problema può risultare difficile e lento. Per questo motivo è fondamentale rivolgersi ad uno psicologo specializzato in disturbo ossessivo compulsivo per ritrovare quanto prima il proprio stato di benessere.

Dott. Damiano Colamonico
Dott. Damiano Colamonico
Sono il Dott. Damiano Colamonico, psicologo a Torino ad orientamento Cognitivo Comportamentale.Esperto dei principali approcci in campo di neuroscienze, psicologia cognitiva e neuropsicologia, dirigo il Centro Clinico ‚ÄúStudioColamonico‚ÄĚ a Torino e Chieri dove, insieme ai miei collaboratori, mi occupo di riabilitazione e trattamento dei principali disturbi della sfera psicologica.Attraverso i miei studi in tecniche cognitivo comportamentali presso l'istituto Watson di Torino ho appreso le pi√Ļ efficaci strategie di intervento per la riabilitazione dei pi√Ļ comuni disturbi mentali e della sofferenza psicologica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *