Eiaculazione Precoce: Cause, Sintomi e Cura

Impotenza Psicologica
Impotenza Psicologica: Cause, Sintomi e Come Curarla
Novembre 25, 2021
Psicoterapeuta e paziente durante una seduta di psicoterapia cognitivo comportamentale
Terapia Cognitivo Comportamentale: Come Funziona e Quando Utilizzarla
Dicembre 22, 2021
uomo con disturbo da eiaculazione precoce cerca le cause

Classificazione dell’Eiaculazione Precoce, Cause Psicologiche, Cause Mediche e Trattamento

L’eiaculazione precoce è un disturbo piuttosto frequente nella popolazione maschile: affonda le sue radici in cause di natura psicologica, oltre che medica e può provocare ripercussioni sulla sfera sociale ed interpersonale del paziente che ne soffre. Pur trattandosi di un disturbo risolvibile, è importante conoscere le diverse classificazioni della precocità eiaculatoria e definirne le cause responsabili, al fine di risolverla mediante il trattamento adeguato. In questo articolo analizzeremo le caratteristiche e la classificazione dell’eiaculazione precoce, le cause psicologiche o di natura organica da cui dipende e come curarla mediante la terapia.

coppia affronta le cause dell'eiaculazione precoce

Cos’è l’Eiaculazione Precoce?

L’eiaculazione precoce è definita come l’impossibilità, o difficoltà, dell’uomo di mantenere il controllo della propria eiaculazione durante l’atto sessuale e non solo.
Secondo il DSM-5, essa si manifesta quando l’eiaculazione si verifica prima o poco dopo la penetrazione, durante quindi l’attività sessuale, e la definizione del disturbo è da caratterizzarsi rispetto alla durata e latenza dell’eiaculazione e soprattutto può essere applicata a tutti gli orientamenti e identità sessuali dell’uomo. L’eiaculazione precoce è associata add importanti effetti psicologici, e può causare stress e difficoltà nella vita personale e di coppia dell’individuo che ne è affetto, con ripercussioni sulla qualità della vita, sull’autostima, sull’ansia e sulle relazioni.

Parametri Fondamentali del Disturbo

Le caratteristiche che definiscono la possibile diagnosi di disturbo da eiaculazione precoce, possono essere sintetizzate in questo modo:

  • Una persistente eiaculazione che si verifica durante i rapporti sessuali un minuto dopo la penetrazione e prima che l’individuo lo desideri e riesca a controllarlo. Si parla di penetrazione poiché non è ancora stato possibile, a detta del DSM-V, valutare il disturbo in altre dimensioni erotiche che riguardino la non penetrazione.
  • I sintomi (avere una eiaculazione prima o entro un minuto della penetrazione) devono essere osservabili e vissuti per almeno 6 mesi, e devono essere sperimentati dall’individuo in quasi tutte le situazioni di attività sessuale.
  • Inevitabilmente, la disfunzione causa un disagio personale e relazionale molto forte nella persona che lo subisce.

Diffusione

A livello globale, nonostante non se ne parli con molta naturalezza, più del 20%-30% degli uomini di età compresa tra i 18 anni e i 70 anni descrive la propria difficoltà a controllare l’eiaculazione. Secondo i professionisti si tratta del disturbo sessuale più diffuso e più discuso.
Attraverso però i criteri definiti nel DSM, Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, è opportuno diagnosticare il disturbo solo a chi eiacula entro un minuto, come scritto in precedenza. Questo criterio importante riduce la percentuale di persone con diagnosi di eiaculazione precoce all’1-3%. Inoltre, la caratterizzazione sintomatologica può aumentare con l’aumento dell’età dell’individuo.

Classificazione: Tipi di Eiaculazione Precoce

Sono classificabili differenti tipologie di eiaculazione precoce. Nello specifico la principale classificazione viene fatta in base al momento d’insorgenza del disturbo nella vita del paziente. Si distinguono:

  • Eiaculazione Precoce Primaria: compare durante i primi rapporti sessuali, quindi anche fin dalla giovinezza, ed affligge il 70% dei pazienti affetti da eiaculazione precoce. Questa tipologia di precocità eiaculatoria viene spesso considerata normale in quanto i giovani uomini non hanno ancora completo governo del proprio corpo durante i loro primi rapporti sessuali.
  • Eiaculazione Precoce Secondaria: non compare durante i primi rapporti sessuali giovanili ma compare improvvisamente durante una fase di vita e di età; affligge il restante 30% dei pazienti con precocità eiaculatoria.

In base alla situazione e ale modalità in cui il disturbo compare, si distingue un’ulteriore classificazione dell’eiaculazione precoce così definita:

  • Eiaculazione Precoce Permanente o Life Long: la sintomatologia è presente in modo preponderante in diverse situazioni, quasi tutte, e viene definita infatti lifelong.
  • Eiaculazione Precoce Acquisita: si manifesta dopo un periodo di attività sessuale ed eiaculatoria normale.
  • Eiaculazione Precoce Situazionale: esordisce solo in situazioni particolari, specifiche e anche con specifici partner sessuali.
  • Eiaculazione Precoce Generalizzata: anche questa si verifica in tutte le occasioni, in modo appunto generalizzato.
  • Eiaculazione Precoce Soggettiva o Falsa: in questo caso la persona presenta una eiaculazione normale ma la percezione che ha lui non è realistica e lo preoccupa così tanto da sviluppare una vera e propria eiaculazione che però dipende da caratteristiche emotive e non fisiologiche.

Sintomi dell’Eiaculazione Precoce

Quali sono dunque i sintomi dell’eiaculazione precoce? Il primo sintomo da tenere in considerazione è l’osservazione di una eiaculazione in un range di tempo che va dai 60 secondi ai due minuti, in base alla soggettività e alle caratteristiche dell’individuo.
Avere a che fare con una eiaculazione così rapida pone l’individuo nella condizione di non riuscire a godere appieno l’attività sessuale, ma anche la condivisione sessuale con il proprio partner, proprio perché non si ha la possibilità di avere una padronanza piacevole durante lo scambio erotico. Tutta la vita sessuale, e non, dell’individuo lo mette in una posizione ansiogena e controproducente che inevitabilmente comporta una definizione negativa dell’immagine di sé e del proprio immaginario erotico, che diventa un problema, nonostante sia molto desiderato, perché appunto la persona non riesce a viverlo né con tranquillità, né con padronanza.

Diagnosi della Precocità Eiaculatoria

E’ molto complesso effettuare una diagnosi poiché ogni individuo vive e sperimenta la sessualità in modo differente e poiché la variabile partner, che ha a sua volta desideri, tempi, modalità personali, può incidere inevitabilmente nello scambio erotico.
Un criterio però che pone nella posizione di approfondire la diagnosi, attraverso anche test per l’eiaculazione precoce e visite mediche che possano aiutare a comprendere l’eventualità di concause organiche, è il fatto che, per almeno sei mesi, l’individuo non riesca a mantenere la non eiaculazione non appena inizia il coito o anzi, anche prima che possa penetrare il proprio partner.
Il criterio principale a favore della diagnosi è l’incapacità di governare l’attività erotica del proprio pene, che eiacula senza che l’individuo sia mentalmente e fisicamente pronto a farlo.

eiaculazione precoce causa problemi di coppia

Eiaculazione Precoce: Cause

Le cause alla base della diagnosi di eiaculazione precoce possono essere di due tipologie principali, interconnesse tra loro: cause di natura organica e cause psicologiche.

Cause Psicologiche dell’Eiaculazione Precoce

Le cause psicologiche dell’eiaculazione precoce possono essere diverse. Alcune emozioni molto elevate e anche disturbanti, difficili da governare, a lungo termine possono anche incidere sulla eiaculazione. Ansia, stress, traumi relazionali passati, o, in modo più complesso, una brutta immagine di sé, problematiche a livello di coppia con il partner, ansia da preservativo o ansia da  prestazione, sessuofobia, una bassa autostima e capacità di sentirsi adeguati a livello sessuale e/o interpersonale possono tutte incorrere in una manifestazione sintomatologica come l’eiaculazione precoce.

Cause di Natura Organica

Le cause fisiche e mediche dell’eiaculazione precoce, che possono incorrere nella manifestazione del disturbo possono essere: ipersensibilità al glande, infiammazioni dell’organo, vescicoliti, anomalie del frenulo, problematiche di tipo ormonale (come ad esempio la tiroidite, una bassa quantità di prolattina, livelli elevati di leptina), uretriti e prostratiti o anche patologie croniche come la sclerosi multipla, i tumori al midollo. Le cause di natura organica devono essere determinate dall’urologo, in quanto spesso associati a meccanismi di natura neuro-vascolare.

Conseguenze dell’Eiaculazione Precoce

Le conseguenze che possono presentarsi quando si parla di disturbo da eiaculazione precoce sono diverse e si manifestano in modo specifico in base alla persona che subisce il disturbo. Possiamo catalogarle in due diverse sfere, ovvero le conseguenze che affliggono la sfera personale del soggetto affetto da precocità dell’eiaculazione, e le conseguenze sulla coppia.

Conseguenze Personali ed Interpersonali

Prima di tutto la persona on eiaculazione precoce soffre rispetto alla propria incapacità di gestione, padronanza dell’eiaculazione. Questa difficoltà inevitabilmente, soprattutto a lungo termine, può comportare un peggioramento dell’immagine di sé, quindi un abbassamento della propria autostima, una sensazione preponderante di inefficacia, inadeguatezza, rabbia nei confronti della condizione, di se stessi e della situazione che ne scaturisce e quindi conseguente frustrazione dovuta alla impossibilità di uscire dal tunnel sintomatologico. Tutte queste sensazioni possono comportare anche un calo del desiderio sessuale o un rifiuto del sesso per timore che si possa presentare la situazione problematica.

Conseguenze sulla Coppia

A causa di difficoltà sia durante l’atto sessuale, sia in molti casi dovute ad una diminuzione del desiderio e/o paura della attività sessuale, inevitabilmente anche la coppia, e quindi il partner, risente della sintomatologia e della conseguenza che comporta. Ci si può scontrare con pensieri del partner che riguardano l’idea che l’altro non sia attratto da lui/lei, che l’altro non abbia rispetto dei tempi di entrambi, che l’altro sia egoista. Allo stesso modo questi pensieri non fanno altro che alimentare l’eiaculazione, l’ansia di essa e quindi la difficoltà da un punto di vista sessuale creando un circolo vizioso deleterio per entrambi i partner. Molto spesso avviene questo anche perché la persona che ne soffre non riesce a dare un nome a questa disfunzione o nasconde al proprio partner la disfunzione e il disagio, alimentando le fantasie descritte in precedenza e quindi una crisi di coppia.

Sviluppo e Decorso

Di solito la disfunzione si manifesta durante già le prime esperienze sessuali, soprattutto se si tratta di eiaculazione precoce permanente. Alcuni uomini nel corso delle esperienze e della crescita, possono imparare a gestire l’eiaculazione e quindi non avere più la sintomatologia problematica. Altri ancora possono sviluppare la sintomatologia dopo un lungo periodo di esperienze sessuali funzionali, si tratta appunto di eiaculazione precoce acquisita. In ogni caso, l’eiaculazione precoce aumenta in circa il 20% degli uomini con l’aumento dell’età, comportando quindi inevitabilmente un malessere sempre maggiore correlato a tutti i sentimenti come senso di colpa, vergogna, chiusura, bassa autostima e così via.

eiaculazione precoce ha conseguenze sulla coppia

Fattori di Rischio

I fattori di rischio che possono comportare una esacerbazione del sintomo dell’eiaculazione precoce o una manifestazione di esso, sono caratterizzati da due punti:

  • Fattori temperamentali: la sintomatologia in queste situazioni può essere più frequente in persone che hanno comorbidità con altre patologie quali disturbi d’ansia, in particolare il disturbo d’ansia sociale.
  • Fattori genetici e organici: in questo caso, alcune patologie organiche possono intercorrere nella manifestazione del disturbo quali malattie tiroidee, prostatite, astinenza da droghe.

Eiaculazione Precoce: Rimedi “Fai da Te” e Falsi Miti

Poiché il disturbo da eiaculazione precoce ha di per sé una manifestazione che provoca a livello sociale vergogna e si caratterizza in un aspetto della vita personale molto intimo e difficilmente esprimibile, spesso la persona che ne soffre non ne parla con chi ha accanto, che si tratti del partner, ma anche di amici e familiari. Questa dinamica omertosa non fa altro che esacerbare una serie di rimedi “naturali” e “fai da te” per l’eiaculazione precoce, e di fatto inutili, che l’individuo mette in atto per migliorare la condizione psico fisica. I rimedi invece, messi in atto senza che ci sia una strutturazione idonea, non fanno altro che creare falsi miti o addirittura aggravare la situazione.
Nello specifico, la persona che soffre di DEP può:

  • Diventare maniacale rispetto al coito, reiterandolo al fine di migliorare, secondo il suo punto di vista, la padronanza.
  • Durante l’atto sessuale può avere come rimedio l’infliggersi dolore finalizzato a concentrare l’attenzione su qualcosa di negativo per ritardare l’eiaculazione.
  • Può utilizzare creme anestetizzanti senza però nessun presidio medico.
  • Oltre al dolore fisico inflitto, può costringersi, durante l’atto, a pensare eventi spiacevoli per ritardare l’eiaculazione, senza quindi godersi minimamente l’atto sessuale.
  • Può mettere in atto una masturbazione per-coito finalizzata ad aumentare l’attività sessuale senza eiaculazione precoce.

È inevitabile che tutti i possibili rimedi non possono fare altro che peggiorare la condizione e quindi aumentare la sensazione di inadeguatezza, tristezza, frustrazione, rabbia, impotenza che sperimenta la persona.

Curare l’Eiaculazione Precoce: Rimedi e Trattamento

La cura per l’eiaculazione precoce può essere sviscerata e caratterizzata da differenti ed esaustivi metodi, dalla terapia psicologica a quella farmacologica, sino a degli esercizi da iterare per aiutare a curare il disturbo.

Curare l’Eiaculazione Precoce con la Psicologia: Terapia Cognitivo-Comportamentale

Attraverso il percorso di terapia cognitivo comportamentale, l’individuo comprende come è nato il disturbo, quali possano essere state le cause, cosa comporti nella sua vita presente al fine di strutturare una terapia che possa aiutarlo attraverso compiti e pensieri alternativi e funzionali, a governare la disfunzione e quindi a ridurla.

Terapie Sessuali

Come curare l’eiaculazione precoce con la terapia sessuale? Le terapie sessuali vengono svolte in presenza e sono finalizzate a migliorare, attraverso compiti, dialoghi funzionali e comunicazione efficace tra i due, la condizione disfunzionale. In questo caso anche il partner gioca un ruolo importante perché permette alla persona di non sentirsi inadeguato e di aiutarlo con le prescrizioni a migliorare lo stato psico fisico.

Farmaci

In correlazione con la terapia può essere utile associare un trattamento farmacologico che aiuti l’individuo, qualora ci siano anche cause organiche, a migliorare il tempo dell’eiaculazione e a ritardarla. Un farmaco utilizzato, associato sempre ad una terapia psicologica, può essere l’antidepressivo, che riduce l’eiaculazione e soprattutto lo stato di ansia e di impulsività che l’individuo sperimenta durante l’atto sessuale.

Esercizi per Apprendere a Ritardare l’Eiaculazione:

E’ inoltre possibile curare l’eiaculazione precoce mediante esercizi e pratiche che l’individuo deve mettere in pratica. Una delle prescrizioni più utilizzate è caratterizzata da un flusso di comportamenti virtuosi finalizzati a ridurre l’eiaculazione precoce. Viene chiamato stop and start nel momento in cui si chiede all’individuo di bloccare il rapporto sessuale in prossimità dell’eiaculazione, imparando quindi a mantenere il controllo di esso. Un’altra tecnica è lo squeeze, secondo cui la persona blocca l’eiaculazione attraverso una manovra di compressione che viene fatta con le dita tra il glande e l’inizio del pene. Queste due prescrizioni, come altre, possono essere definite ad entrambi i partner o solo al paziente al fine di migliorare la sua qualità di vita.

Prevenzione

Una possibile prevenzione finalizzata alla riduzione dell’eiaculazione precoce può essere sicuramente imparare a riconoscerla, e quindi a governare lo stress che procura e, altresì, ridurre lo stress quotidiano che l’individuo è costretto a vivere in diversi ambiti della propria vita.
Oltre a questo, può essere utile tenere sotto controllo gli aspetti fisiologici con esami e visite urologiche che possano far comprendere meglio come evitare di intercorrere nel disturbo.
Inoltre, si può mettere in atto un esercizio chiamato di Kegel, caratterizzato dal movimento, strutturato, del muscolo pubococcigeo programmato per l’eiaculazione, al fine di posticipare appunto la stessa e quindi imparare a padroneggiarla.

 

Link Utili e Bibliografia

Articoli Correlati

Dott. Damiano Colamonico
Dott. Damiano Colamonico
Sono il Dott. Damiano Colamonico, psicologo a Torino ad orientamento Cognitivo Comportamentale. Esperto dei principali approcci in campo di neuroscienze, psicologia cognitiva e neuropsicologia, dirigo il Centro Clinico “StudioColamonico” a Torino e Chieri dove, insieme ai miei collaboratori, mi occupo di riabilitazione e trattamento dei principali disturbi della sfera psicologica. Attraverso i miei studi in tecniche cognitivo comportamentali presso l'istituto Watson di Torino ho appreso le più efficaci strategie di intervento per la riabilitazione dei più comuni disturbi mentali e della sofferenza psicologica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.