Sessuofobia: Definizione, Cause, Sintomi e Cure

donna affetta da anoressia sessuale
Anoressia Sessuale: Cause, Sintomi e Trattamento
Gennaio 10, 2022
Dipendenza da Social Network
Dipendenza da Social Network: Cos’è, Quali le Cause e Come Uscirne
Febbraio 22, 2022
donna affetta da sessuofobia

Cos’è la Sessuofobia, la Paura del Sesso

La sessuofobia è una patologia o disfunzione sessuale, identificata nel DSM-V come una avversione o paura nei confronti degli atti sessuali o situazioni e aspetti legati alla sessualità, che il soggetto sessuofobico tende ad evitare e rifiutare. La paura del sesso viene classificata come un disturbo psicologico, che spesso affonda le sue radici in traumi infantili o in un’educazione troppo rigida, e può portare allo sviluppo di altre patologie sessuali, conseguendo in una difficoltà nello sviluppare la propria sessualità e ed influendo negativamente sulla vita di coppia, e su quella relazionale più in generale. Approfondiamo la definizione di sessuofobia, i suoi aspetti psicologici e culturali, le cause, e come curarla con la terapia.

ragazza con sessuofobia

Sessuofobia: Definizione

La sessuofobia (o fobia sessuale) è un disturbo che rientra tra le problematiche ansiose e si manifesta con sentimenti di disagio e tendenza all’evitamento di situazioni o stimoli sessuali. Può essere classificata tra le fobie specifiche e si caratterizza per una paura marcata che ha come oggetto tutto ciò che concerne la sfera sessuale.
Al contrario di disturbi di dipendenza sessuale come l’ipersessualità, quello della sessuofobia è un ambito ancora tutto da esplorare, nonostante il concetto compaia per la prima volta alla fine degli anni ’80, quando la terapista sessuale Helen S. Kaplan la definisce come un disturbo arrecante forte stress e potenzialmente distruttivo per la persona che ne soffre.

La sessualità infatti riveste un ruolo fondamentale nella vita individuale e si configura come un elemento preponderante nella costruzione della vita di coppia; rientra inoltre tra i bisogni fisiologici fondamentali dell’uomo, al pari della sete e della fame. Nonostante non vi siano moltissime ricerche scientifiche sul tema in oggetto che permettano una conoscenza epidemiologica del fenomeno, è stato osservato che la condizione più generica di avversione alla sessualità sia presente nel 4% circa della popolazione e che le donne la sperimentino nel doppio dei casi rispetto agli uomini.
La sessuofobia può avere tratti patologici e può essere causata da fattori biologici, ad esempio infezioni ripetute potrebbero causare forti dolori durante un rapporto sessuale; da fattori psichici, legati ad un passato di abusi, violenze, molestie; da influenze culturali, come tabù e moralismo, o religiose, spesso fortemente intrise di repressione verso la sessualità; le prime tendenze sessuofobiche, infatti, possono essere rintracciate già nel mazdeismo, ebraismo e successivamente, nel cattolicesimo.

Classificazione

Poiché nel panorama scientifico attuale non sono presenti questionari o test per l’individuazione della sessuofobia ed essendo una problematica di natura psicologica, la diagnosi può essere svolta attraverso colloqui con professionisti della salute mentale. Nelle precedenti versioni del DSM, tra le disfunzioni sessuali, era annoverato il disturbo da avversione sessuale, con caratteristiche molto simili alla sessuofobia.
Ad oggi non vi è una categoria diagnostica specifica all’interno del DSM-5 nonostante, date le sue manifestazioni, questa patologia potrebbe essere ricondotta ai criteri della fobia specifica. La sessuofobia non deve essere inoltre confusa con il disturbo del desiderio, poiché questo indica una semplice riduzione della libido, senza però attivare l’insieme di pensieri e comportamenti tipicamente fobici.
Qualora la persona manifesti risposte emotive negative verso l’idea di un rapporto sessuale, pensieri intrusivi e disturbanti su questo tema, uniti a marcata ansia ed evitamento della situazione o dello stimolo sessuale, sarebbe opportuno confrontarsi con un professionista.

Sessuofobia: Sintomi

Come si manifesta la sessuofobia?La fobia sessuale presenta differenti caratteristiche ed i sintomi che aiutano nel suo inquadramento possono essere così esemplificati:

  • Paura o ansia eccessive che si presentano immediatamente alla presenza di stimoli e situazioni esplicitamente sessuali o che rievocano l’erotismo;
  • Messa in atto di comportamenti di evitamento, volti ad allontanare in modo attivo stimoli o situazioni sessuali; qualora non si fosse in grado di farlo, tale situazione viene sopportata con grande sofferenza e ansia;
  • La persona comprende che la sua reazione potrebbe apparire illogica, immotivata, eccessiva ma, pur riconoscendolo, non riesce a controllare i propri comportamenti;
  • La repulsione ed il disgusto esperiti dalla persona possono riguardare aspetti direttamente connessi all’attività sessuale (ad es. avversione alle secrezioni genitali) o più generici (ad es. abbracci, baci, contatto fisico);
  • In alcuni casi, sono presenti anche sintomi fisiologici come fiato corto, nausea, palpitazioni;
  • La paura e l’ansia ostacolano una vita sessuale sana, causando un disagio significativo per l’individuo.

donna manifesta evitamento come sintomo della sessuofobia

Cause della Sessuofobia

Le cause della sessuofobia, che possono preannunciare lo sviluppo della reazione fobica, sono molteplici e si inseriscono in un ampio ventaglio che varia da un passato traumatico a condizionamenti culturali e religiosi.

Tra i principali fattori di rischio si ritrovano:

  • Essere stati vittima di molestie o abusi sessuali;
  • Aver ricevuto un’educazione improntata alla rigidità, alla repressione dell’eccitazione sessuale ed all’inibizione della libido;
  • Bassi livelli di autostima, percezione di inadeguatezza, dispercezione e scarsa accettazione del proprio corpo che si riversano nell’attività sessuale;
  • Scarsa conoscenza e/o accettazione della propria sessualità.

Secondo molti studiosi, sarebbe proprio una scarsa accettazione di sé a conseguire nella fobia di qualunque attività sessuale o erotica, conseguendo in una difficoltà nello stabilire relazioni interpersonali sane e nel vivere la propria sessualità.

Aspetti Culturali, Morali e Relativi alla Religione della Sessuofobia

La sessuofobia è catalogata come un disturbo psichico, ma è associata anche ad aspetti relativi alla cultura e alla religione. Storicamente, il parto era considerato un rischio data l’alta percentuale di mortalità, che ha portato ad una regolamentazione religiosa e morale dei comportamenti sessuali, spesso “proteggendo” o relegando la donna, negandone i piaceri e la libertà sessuale. La sessuofobia potrebbe dunque affondare le radici in queste teorie culturali; la civiltà occidentale ed i suoi valori sono stati inoltre inevitabilmente influenzati dalla dottrina religiosa. La cultura giudaico-cristiana appare permeata da una tendenza sessuofobica; se per la religione ebraica è l’adulterio ad essere oggetto di condanna, per quella cattolica, tra le condotte peccaminose, rientra qualsiasi comportamento anelante la sessualità. Non è un caso che per la religione cristiana la castità rappresenti un vero e proprio valore. Il sesso è dunque peccato, forse proprio il principale peccato di cui si è macchiata l’umanità e suscita maggior scalpore se commesso da una donna; il solo modo per espiarlo è quello di sottoporsi a dolorose penitenze. La sessuofobia sembrerebbe infatti una cintura di castità simbolica, altrettanto dolorosa, a cui è costretto chi ne soffre. Nonostante ad oggi il concetto di sessualità stia subendo un processo di emancipazione, talvolta continua ad essere oggetto di tabù, di una concezione dicotomica giusto/sbagliato e associato ad un’attività immorale.

Conseguenze

Considerando il rilievo che la sessualità ricopre nell’esistenza umana, le conseguenze della sessuofobia nella vita di chi ne soffre possono essere anche gravi e molteplici. Anzitutto, il rischio principale che accomuna tutti coloro che soffrono di sessuofobia è quello di negarsi un’esigenza umana fondamentale, ovvero quella sessuale. Se la fobia sessuale è più intensa e si estende anche ad altri ambiti di vita che prescindono dalla situazione sessuale, gli effetti possono essere l’isolamento sociale, difficoltà di coppia, qualora questa fosse già formata, o impossibilità di intraprendere nuove relazioni. Vi sono conseguenze negative, inoltre, anche sul livello di autostima e sulla qualità della vita in generale.
Non è detto che chi soffre di questo disturbo manifesti necessariamente una disfunzione sessuale, nonostante le due cose siano spesso correlate. Molto frequentemente, infatti, la persona sessuofobica non riesce a provare alcuna sensazione erotica e, nei casi più gravi, può manifestare addirittura attacchi di panico.
La sessuofobia, l’isolamento, l’evitamento di situazioni di intimità possono portare allo sviluppo di un disturbo depressivo legato all’appiattimento emotivo e libidico, con forme di depressione anche gravi, al senso di colpa, o ad un DOC (Disturbo Ossessivo Compulsivo) che si manifesta con la presenza di pensieri disturbanti e intrusivi nei confronti di tutto ciò che inerisce la vita sessuale, con conseguente messa in atto di compulsioni, ovvero comportamenti ritualistici per combattere tali pensieri.

fobia definizione vocabolario

Tipologie di Fobie Sessuali Maschili e Femminili

La sessuofobia può essere immaginata come un grande contenitore all’interno del quale risiedono differenti tipi di fobie, sempre di natura sessuale, ma più specifiche. L’oggetto della sessuofobia può essere trasversale ad entrambi i sessi o più tipicamente maschile o femminile, può avere connotati fisici, o presentarsi anche alla sola presenza di fantasie sessuali.

Tra gli esempi più comuni vi sono:

  • Ginofobia: paura degli uomini verso il genere femminile; tale disturbo può evolvere in misoginia;
  • Eurotofobia: paura specifica verso i genitali femminili
  • Coitofobia: repulsione nei confronti del rapporto sessuale, della penetrazione e dell’orgasmo;
  • Erotofobia: fobia verso l’erotismo ed il sesso;
  • Malaxofobia: paura dei giochi di seduzione;
  • Itifallofobia: paura nel vedere o pensare ad un pene in erezione;
  • Tocofobia: paura della gravidanza e del parto;
  • Gimnofobia: fobia della nudità, manifestata attraverso un marcato disagio nello spogliarsi davanti ad un’altra persona o di vedere la nudità altrui;
  • Oneirogmofobia: paura della polluzione notturna o dell’eiaculazione a seguito di un sogno erotico;
  • Vaginismo: rientra tra le fobie sessuali poiché lo spasmo della muscolatura vaginale che impedisce la penetrazione assume i connotati di una risposta fobica.

Come Combattere la Sessuofobia: Terapia

Una delle modalità più efficaci per combattere la sessuofobia maschile e femminile è rappresentata dalla terapia cognitivo-comportamentale. Attraverso l’instaurazione di un’alleanza terapeutica che accoglie la problematica dell’individuo è possibile infatti modellare un intervento specifico sulla persona che ne soffre, andando a lavorare sui pensieri disfunzionali legati alla sessualità e sulla gestione della reazione emotiva anomala, al fine di estinguere l’allarme, la paura e l’ansia generate dalla risposta fobica verso lo stimolo e la situazione sessuale.

Un’altra possibilità per la cura della sessuofobia potrebbe essere rappresentata dalla terapia farmacologica, mediante l’uso di farmaci ansiolitici e antidepressivi. L’obiettivo principale resta quello del miglioramento generale della qualità della vita del soggetto sessuofobico e l’eliminazione di comportamenti o pensieri che possano compromettere il funzionamento individuale e relazionale della persona.

 

Bibliografia e Fonti

Articoli Correlati

Dott. Damiano Colamonico
Dott. Damiano Colamonico
Sono il Dott. Damiano Colamonico, psicologo a Torino ad orientamento Cognitivo Comportamentale. Esperto dei principali approcci in campo di neuroscienze, psicologia cognitiva e neuropsicologia, dirigo il Centro Clinico “StudioColamonico” a Torino e Chieri dove, insieme ai miei collaboratori, mi occupo di riabilitazione e trattamento dei principali disturbi della sfera psicologica. Attraverso i miei studi in tecniche cognitivo comportamentali presso l'istituto Watson di Torino ho appreso le più efficaci strategie di intervento per la riabilitazione dei più comuni disturbi mentali e della sofferenza psicologica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.